Estate 2014, le mie vacanze- Prima Parte I templi di Angkor

resize_1

Buongiorno blog, come sono andate le vostre vacanze? Le mie si sono concluse domenica sera con atterraggio alle ore 23.00 all’aeroporto di Malpensa e perdita del bagaglio.

Hello blog, how was your holidays? My holiday ended Sunday night with a landing at Malpensa airport at 23.00 and loss of baggage.

Buongiorno blog, come sono andate le vostre vacanze? Le mie si sono concluse domenica sera con atterraggio alle ore 23.00 all’aeroporto di Malpensa e perdita del bagaglio.  Più provata dallo smarrimento del mio zaino (in cui avevamo messo tutti i regali!) che non dal fuso, ieri sono rientrata in ufficio, ma con un enorme nostalgia dei posti visitati e delle persone incontrate. Oggi vi mostrerò una parte delle foto scattate nella prima parte del nostro viaggio: i templi di Angkor Wat in Cambogia. Un sito archeologico, posto a circa 7 km dalla città di Siem Reap in una pianura dominata da una fittissima vegetazione, che in passato costituiva il centro sociale, politico e religioso dell’impero Khmer. I sovrano che si succedettero si impegnarono a costruire templi sempre più grandi e spettacolari.
Per visitare i templi è possibile acquistare un biglietto d’ingresso singolo (20$) o uno cumulativo per 3 gg  (40$, noi abbiamo optato per quest’ultima opzione). Vista la vastità del sito, per i primi due giorni abbiamo optato per una visita a bordo di un Tuk Tuk, un mezzo di trasporto molto diffuso nel sud est asiatico, costituito da un motorino a cui è agganciato una sorta di carrozza in cui vengono ospitati i passeggeri. Il terzo giorno abbiamo invece scelto la bicicletta, con cui è possibile godersi appieno la misticità di questi luoghi.
Io avevo già visto i templi nel 2009, durante la mia prima visita in Cambogia, ma l’esperienza è stata ancora una volta suggestiva.
L’ Angkor Wat è il più grande e meglio conservato tempio del complesso archeologico. Fu costruito nella prima metà del XII secolo come capitale di Re SUryavarman II e si suppone ne fosse anche il mausoleo (visto l’orientamento delle porte, che segue quello dei templi funerari. L’ingresso è infatti rivolto ad ovest come i siti funerari, al contrario dei normali templi indù che hanno l’entrata ad est; entrare dentro Angkor Wat simboleggia il percorso spirituale che dopo la morte porta agli Dèi). Il tempio, che appare anche sulla bandiera nazionale, è Patrimonio dell’umanità UNESCO.
Oltre al famosissimo Angkor Wat, ci sono altri templi degni di nota.
Il Bayon e i suoi volti: il tempio è caratterizzato da 54 guglie, su cui, in ogni lato, è scolpito il volto di Avalokitesvara (divinità buddista), per un totale di 216 volti.
Il Preah Khan, un tempio molto vasto, costituito da un labirinto di corridoi.
Il Ta Prom che, a differenza di altri templi,  è stato praticamente lasciato  com’è stato trovato dai primi esploratori europei, immerso nella vegetazione, dove le radici degli alberi centenari hanno totalmente agguantato le costruzioni. Il tempio è stato utilizzato quale ambientazione per alcune scene del film Tomb raieder.
Il Baphuon, edificato nell’XI secolo, si sviluppa su tre livelli ed è dedicato al Dio Shiva.
Angkor Thom, l’ultima capitale dell’impero Khmer, fu edificata sotto il regno di Jayavarman VII. Al centro di ognuna delle quattro mura c’è una monumentale porta, decorata con enormi teste, raffiguranti uno dei quattro Grandi re Hindù e l’immagine di Indra che cavalca il suo elefante a tre teste.
Insomma potrei scrivere per ore di tutte le meraviglie che abbiamo visto, ma lascio che le foto lo facciano per me. Buona visione.

Hello blog, how was your holidays? My holiday ended Sunday night with a landing at Malpensa airport at 23.00 and loss of baggage. More stressed from the loss of my backpack (where we put all the presents!) than from jet lag, yesterday I returned to the office, but with a huge homesick for the places visited and people encountered. Today I will show you some pictures from the first part of our trip: the temples of Angkor Wat in Cambodia. An archaeological site, located approximately 7 km from the city of Siem Reap in a plain dominated by a dense vegetation, which in the past was the center of social, political and religious Khmer empire. The kings who succeeded worked hard to build temples ever larger and more spectacular.
To visit the temples you can purchase a single ticket ($ 20) or a cumulative one for 3 days ($ 40, we have selected for this option). the site is enormous so for the first two days we opted for a visit on board a Tuk Tuk, a vehicle widely used in Southeast Asia, consisting of a motor which is attached a kind of carriage in which they are hosted passengers. The third day we chose the bicycle, with which you can fully enjoy the mysticism of the place.
I had already seen the temples in 2009, during my first visit to Cambodia, but the experience was once again impressive.
Angkor Wat is the largest and best preserved temple of the archaeological complex. It was built in the first half of the XII century as the capital of King Suryavarman II and supposedly it was the mausoleum (since the orientation of the doors, which follows the funerary temples. Admission is indeed facing west as burial sites, unlike normal Hindu temples that have the entrance to the east; get inside Angkor Wat symbolizes the spiritual path that leads to the gods after death). The temple, which also appears on the national flag, is a World Heritage Site by UNESCO.
In addition to the famous Angkor Wat, there are other temples worth mentioning.
Bayon and its faces: the temple is characterized by 54 peaks, of which, on each side, is carved the face of Avalokitesvara (Buddhist deity), for a total of 216 faces.
Preah Khan, a temple vast, consisting of a maze of corridors.
Ta Prom that, unlike other temples, it was pretty much left as it was found by early European explorers, surrounded by greenery, where the roots of the old trees have totally grabbed the buildings. The temple was used as a setting for some scenes in the film Tomb raieder.
Baphuon, built in the XI century, spread over three levels and is dedicated to Lord Shiva.
Angkor Thom, the last capital of the Khmer empire, was built during the reign of Jayavarman VII. At the center of each of the four walls there is a monumental door, decorated with huge heads, representing one of the four Great Hindu King and the image of Indra riding his elephant with three heads.
I could write for hours about all the wonders that we saw, but I let the pictures do it for me. Enjoy the photo.

resize_33 resize_41 resize_40 resize_39 resize_38 resize_35 resize_42 resize_18_1 resize_16 resize_43 resize_22 resize_17 resize_4 resize_12 resize_12_1 resize_5 resize_11 resize_20 resize_2 resize_3 resize_10 resize_9 resize_7 resize_6 resize_25 resize_37 resize_36 resize_27 resize_30 resize_29 resize_28 resize_8 resize_14 resize_13 resize_24 resize_45 resize_44 resize_23 resize_34 resize_32 resize_21 resize_31 resize_19 resize_15

Annunci

5 pensieri su “Estate 2014, le mie vacanze- Prima Parte I templi di Angkor

  1. Pingback: Estate 2014, le mie vacanze – II Parte: Siem Reap e dintorni – SiemReap and neighbourhood | Gloria Dress Up Fashion blogger e outfit

  2. Pingback: i templi di Angkor

  3. Pingback: Estate 2014, le mie vacanze- III Parte Battambang | Gloria Dress Up Fashion blogger e outfit

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...